Indirizzo

via Ludovico Ariosto 3 Selargius Italia, 09047

Contattaci

070457026

Segui

©2017 BY ASSOCIAZIONE CULTURALE “RICERCHE E MEMORIE STORICHE”. PROUDLY CREATED WITH WIX.COM

17 marzo 1919 - 17 marzo 2019: Centenario della nascita dei San Marco

April 5, 2019

I "San Marco" sono forse una delle formazioni militari italiani più conosciute e per i "fanti di marina" quest'anno ricorre il centenario della formazione, festeggiato in tre giornate a Venezia alla presenza di alti vertici militari e civili, tra cui il Ministro della Difesa Elisabetta Trenta, e con l'ausilio, tra le altre, della nave da guerra anfibia (LPD) "San Marco" (Classe San Giorgio) in dotazione alle Forze di Proiezione dal Mare delle nostre Forze Armate.

 Ma la storia dei San Marco ha radici ancora più antiche, risalendo alle formazioni di fanteria marina delle varie forze armate preunitarie ed in particolare ai "Fanti da Mar" del 1550 al servizio della Serenissima Repubblica di Venezia ed al "Battaglione delle Galere" del 1560 del Ducato di Savoia che nel 1717 confluì nel Reggimento "La Marina" del Regno di Sardegna, elevato a Brigata nel 1815 e con questo rango partecipe delle Guerre d'Indipendenza Italiane fino ad essere ricostituito, per volontà del Presidente del Consiglio dei Ministri Camillo Benso, Conte di Cavour, Fanteria "Real Marina" nel 1861, anno di nascita del Regno d'Italia.

 

Durante la sfortunata Battaglia di Lissa del 1866 per la liberazione del Veneto dall'Austria i fucilieri dell'ammiraglia "Re d'Italia" continuarono a far fuoco sul nemico pur durante l'affondamento della propria nave dalle sua alberature, suscitando l'ammirazione dello stesso comandante nemico, l'Ammiraglio Wilhelm von Tegetthoff.

Ma allora perchè il centenario della sua nascita viene festeggiato nel 1919?

 

All'alba dell'anno 1900 i corpi di fanteria di marina vennero inviati in Cina per sedare la famosa rivolta dei Boxer. Dopo aver marciato vittoriosamente su Pechino insieme agli alleati, faranno guadagnare all'italia la Concessione di Tientsin.

 

In questi anni i fanti di marina parteciparono a spedizioni in Tunisia, a Creta ed in Libia, dove presero Tobruk, Tripoli, Derna, Homs e Bengasi e di qui la Grande Guerra.

 

Nel 1915 si costituì in via non ufficiale la"Brigata Marina", che raggruppava prima 3 e poi 5 reggimenti seppur non ufficialmente e quindi non dotata di Bandiera di Guerra.  Ma durante il corso del conflitto, impegnandosi prima a Grado, Cortellazzo e poi a Venezia e sulla sua laguna, questo complesso di corpi guadagnò col suo valore la via dell'ufficialità a difesa della capitale veneta e della regione.

 

Alla fine del conflitto, nel 1918, ricevette infatti ufficialmente la Bandiera di Guerra e il 17 marzo 1919 il Sindaco di Venezia Filippo Grimani donò al reparto, con queste parole rivolte al Re Vittorio Emanuele III, il nome di "San Marco", patrono della città, e successivamente il suo stemma cittadino:

 

"Allorquando, alla fine dell'anno 1917, la minaccia nemica tragicamente incombeva su Venezia, un battaglione di marinai, rapidamente costituito coi reparti che ebbero già a presidiare le città di Grado e di Monfalcone, accorse alla difesa del basso Piave.
Ben presto il battaglione, per incessanti profferte volontarie di capi e gregari, divenne reggimento e come tale ha scritta la sua pagina di storia gloriosa arrossando col migliore Sangue gli acquitrini che vanno da capo Sile a Cortellazzo.
Sire!
è storia di ieri, ma scritta con caratteri d'oro, il modo superbo con cui il Reggimento Marina ebbe a opporre un argine alla tracotanza avversaria superando ostacoli che parevano insormontabili tra i più grandi disagi di un terreno, dove, all'insidia del nemico, si aggiungeva quella della natura.
Sire!
Venezia "sempre memore" ha voluto e chiesto a mezzo del primo magistrato, che al fatidici nome di "San Marco" si intitolasse il Reggimento Marina, consacrando così il suo sentimento d'amore e di riconoscenza verso gli Eroi che hanno protetto, colla sua esistenza, la sua bellezza immortale.
Sire!
A tale voto non ho potuto a meno di aderire e perciò che, sicuro di interpretare anche i sentimenti dell'animo della Maestà Vostra, sottopongo alla sua Augusta Firma, l'unito decreto che varrà a tramandare alla Storia con il nome "San Marco" il Reggimento Marina".

 

Di seguito, il San Marco ritornò in Cina, per poi difendere diversi teatri, tra cui la Libia, durante la Seconda Guerra Mondiale ed infine unirsi nel 1943 al Regno del Sud dopo la proclamazione dell'armistizio dell'8 settembre con gli Alleati Anglo-Americani, prendendo parte alla Guerra di Liberazione prendendosi il dovuto onore di entrare per primi a Venezia mentre la nord la Repubblica Sociale di Mussolini ne aveva nel mentre creato una bieca copia alle sue dipendenze.

 

Oggi la San Marco si presenta, dalla riforma della Forza da Sbarco della Marina del 2013, come Brigata Marina "San Marco" con sede a Brindisi, costituita principalmente da tre reggimenti e retta dallo stesso ammiraglio che presiede la Forza di Proiezione dal Mare da cui essa stessa dipende.

Continua in questi anni a dimostrare il suo valore nelle varie missioni di peacekeeping portate avanti dall'Italia con le coalizioni internazionali di NATO e ONU ad esempio in Kosovo, Libano, Afghanistan ed Iraq.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Please reload

Recent Posts

Archive

Please reload

Tags

Please reload

Please reload